La Storia:


L'Associazione Auser è un'associazione onlus con sedi in tutto il territorio nazionale: la sua attività si rivolge soprattutto alle attività sociali e creative offrendo un servizio e proponendo altresì attività di coinvolgimento di moltissimi soci.
Oltre che a livello regionale e provinciale sono presenti sedi anche nei territori comunali come nel nostro caso a Marcon dove l'organizzazione si suddivide attraverso una serie di attività settoriali: educazione permanente, sezione cultura....
Da circa tre anni il Circolo dell'Associazione Auser di Marcon ha visto la nascita della sezione cultura che conta una ventina di soci con le idee chiare e tanta voglia di proporsi con iniziative coinvolgenti e utili.
Se pensiamo alla parola associazionismo o gruppo di corrente collegata nello specifico alla cultura, ma interessata a qualsiasi disciplina, sport, musica....ci ricorda forme di aggregazioni sociali, movimenti artistici culturali con comune orientamento ideologico o identica funzione socio-economica. Definizione questa esatta ma quanto mai asettica per esprimere emotivamente il senso che l'Associazione ha per i nostri soci.
Ampliamo quindi questa definizione con una interpretazione emozionale, più ampia e più vicina ad esempio alla Sezione Cultura dell'Associazione AUSER Marcon o comunque allo spirito di tante altre associazioni: "Gruppo di persone che percorrono insieme una strada verso obiettivi comuni, attraverso i quali i rapporti e i contatti tra i soci diventano sempre più personali, coinvolgenti e costruttivi. La partecipazione ai momenti di ritrovo è per ognuno motivo di vicendevole crescita ed insegnamento soprattutto grazie alle esperienze personali che ogni singolo socio offre come esempio di confronto".
Questa specificazione è più vicina alla nostra idea di associazione e comunque più vicina alla realtà della Sezione Cultura perchè l'esserne parte ci ha aperto le porte alla discussione, a volte anche accesa, al dibattito e all'accrescimento del nostro bagaglio culturale. Ci offre l'opportunità di intraprendere un percorso, nel nostro caso artistico, con altre persone spinte anch'esse dallo stesso interesse comune.
E non dimentichiamo la complicità e la competitività, sentimenti questi diametralmente opposti ma che comunque fanno parte del gioco.
In questi ultimi anni, il progresso nelle telecomunicazioni e l'informatica hanno trasformato il nostro modo di vivere e l'ambiente intorno a noi. I computer, presenti negli anni sessanta solo nel campo della ricerca, oggi si trovano ovunque, senza parlare di internet con il quale è possibile interagire in ogni parte del mondo e in ogni momento.
Abbiamo volutamente accostato il "progresso" e la sua capacità di innovazione aprendo una finestra sul mondo e sulla sezione cultura con il nuovo sito www.culturausermarcon.blogspot.com ma senza permettere che ciò appiattisca quanto di più semplice e umano ci possa essere: l'Emozione.
Avanti quindi un nuovo anno, altri 365 giorni di avvenimenti, sfide, sacrifici, desideri, emozioni da esprimere con i colori.
Già in un'altra occasione ho ricordato una frase che mi ha colpito molto del filosofo Marcel Proust che diceva: "Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi.".
Mi piace pensare che questo, molto semplicemente, è il ruolo che svolge l'associazione: come un oculista del tutto particolare dona ai propri soci magici occhiali. Attraverso le varie iniziative li aiuta a confrontarsi, soffermarsi, a vedere meglio intorno a loro, a cogliere e scoprire così nuove possibilità, nuove aperture tecniche-cromatiche.
E dalle iniziative proposte dalla sezione cultura sicuramente in ognuna abbiamo imparato qualcosa: l'appuntamento speciale con "ARTISTI PER LA SOLIDARIETA' "che vuole sensibilizzare l'artista e il visitatore a riflettere su realtà difficili come le guerre, il degrado e l'abbandono e ad imparare che solo collaborando insieme si può aiutare chi soffre; l'iniziativa "AGRICULTURA incontro tra natura ed arte en plein air" che invita l'artista a scorgere con nuovi "occhi", tutte le sfumature della natura che lo circonda; la rassegna di pittura "SOTTO A CHI TOCCA IN TOUR" che impegna gli artisti nella partecipazione ad una simbolica staffetta lunga un anno coinvolgendoli in interessanti appuntamenti culturali.
Ma non tralasciamo le esposizioni all'aperto, durante l'anno o le serate estive, nel territorio comunale o nei luoghi più frequentati dal turismo che pongono a confronto persone e culture diverse.
Essere parte di un gruppo è molto importante, specie se è un gruppo speciale come il nostro: ci pone, come dire, in una corsia preferenziale.
Marilisa Brocca
Responsabile della Sezione Cultura
Associazione Auser - Marcon